sabato, ottobre 27, 2007

Macaron in Milan!

Pubblicato da apprendistacuoca a 21:06 28 commenti
Per ora vi rimando solo al posto in cui l'ho comprato...

AGGIORNAMENTO POST: 2 novembre 2007

Contrariamente a quanto alcuni di voi hanno pensato, questo golosissimo bicchierino proviene dritto dritto, così com'è, dalla pasticceria Massimo di Milano, a due passi da casa mia.
La loro vetrina è probabilmente una delle poche davanti alla quale, invece di compiere l'involontario gesto femminile di controllare il mio riflesso, non resisto alla tentazione di lasciare i miei occhi liberi di fissare le prelibatezze che le varie mensoline infiocchettate a dovere propongono. In genere ho notato dolci ben strutturati che fin dalla semplice ed elegante decorazione permetteno di pregustare il sapore. Il loro cavallo di battaglia è una eccellente crostata al limone. Direte voi: embè? assaggiatela...poi mi direte!
Tornando invece a questo benedetto macaron, proprio nel bel mezzo di una delle mie occhiate alla vetrina, una sera sono riuscita a scorgere una fila di questi dolcetti francesi intorno ad una piccola torta graziosa, il cui aspetto suggeriva "caffè e cioccolato".
Entro e mostro la faccia più tosta che mi riesce e chiedo se per caso i macarons li fanno nel loro laboratorio e se è possibile avere a rigurdo qulache ripetizione. Gentilmente (e ovviamente!) la signora mi fa intuire che la cosa non s'ha da fare e che la maggior parte dei macarons che utilizzano arriva dalla francia. Loro li preparano solo nel caso di richieste particolari, nel caso qulache cliente faccia richiesta di colori diversi da quelli che hanno in fornitura.
Mh.
Per compesare la piccola delusione, la mia golosità ha ben pensato di non lasciarsi sfuggire almeno un piccolo assaggio...la torta mia pareva troppo, così ho scelto questo bicchierino che presumibilmente deriva dagli avanzi della farcitura della torta che già mi aveva sedotto. Oltre alla crema (strato giallo) cèera in effetti sia il caffè (in alto), che il cioccolato (in basso), più qulache pallina croccante qua e là. davvero gradevole!

Ovvio che ora il macaron è diventato ufficialmente la mia prima ossessione. PRIMA O POI CI RIUSCIRO'!

domenica, ottobre 21, 2007

Bimbi al lavoro!

Pubblicato da apprendistacuoca a 19:41 26 commenti
Ieri ho trascorso di nuovo il pomeriggio insieme ai bimbi con il corso per baby maitre patissier ed è stato stupendo! Io mi diverto un mondo, e quasi mi commuovo a osservare il lavoro di tutte quelle manine intente ad esprimere una creatività che ancora si sta formando, ma che è desiderosa di uscire allo scoperto e provare, provare, provare!
La foto che vedete risale alla prima giornata che abbiamo trascorso insieme. Qui le altre immagini.
(La fotografa è la mia amica Monica... ieri non c'era e io mi sono arrangiata con qualche scatto...più tardi sistemo le mie fotine modeste e le posto...)

venerdì, ottobre 19, 2007

Biscotti in bianco

Pubblicato da apprendistacuoca a 15:20 17 commenti
Biscotti senza uova al burro salato
Questa ricetta è uno dei miei classici più "antichi"... proviene da un libro di cucina illustrato che uso da quando avevo più o meno 10 anni. E' una frolla molto facile, che viene sempre friabile e con un sapore delicato, molto "lattoso", direi! Non prevede l'uso di uova, praticamente è un panetto di burro impastato con zucchero, farina e qualche goccia di latte! Una goduria, insomma!
Questa volta ho provato a usare il burro leggermente salato che ho trovato in vendita al pam, così, giusto per fare una piccola variazione sul tema e per testare un nuovo prodotto. I biscotti erano buoni anche in questa versione, solo che il burro, assaggiando l'impasto crudo, non mi ha particolarmente entusiasmato...dovrò fare un giro al Comptoire de france e decidermi a comprare un panetto di quelli seri!
Per 40-50 biscottini:
  • 175 g di farina
  • 100 g di burro salato a pezzetti
  • 50 g di zucchero
Impasta per bene gli ingredienti fino a quando non ottieni un composto omogeneo. Forma una palla e lasciala riposare in frigo per mezz'ora. Accendi il forno a 180°C.
Stendi la pasta con il mattarello dandole lo spessore di circa mezzo centimetro (a occhio eh!), fai le formine che preferisci e disponile sulla teglia (sempre imburrata o incartata!). Se ti è possibile metti la teglia in freezer per un paio di minuti. In questo modo i biscottini manterranno la loro forma durante la cottura.
Fai cuocere per circa 15 minuti o fino a quando non diventano lggermente dorati in superficie. Mi raccomando: prima di staccarli dalla teglia assicuratevi che si siano completamente raffreddati!
Se volete ricoprirli di zucchero come ho fatto io, vi basterà spennellarli con un po' d'albume leggermente sbattuto e fargli fare un tuffo in una ciotolina in cui avrete versato un pochino diu zucchero. Lasciate seccare l'albume per farli incroccantire e poi mordicchiateli in libertà!
Il bicchiere di latte che vedete nella foto è un piccolo suggerimento...

mercoledì, ottobre 17, 2007

Torta madera con glassa al mandarino

Pubblicato da apprendistacuoca a 17:21 19 commenti
Questa è una torta classica, che si presta a infinite varianti. Io ho optato per una versione semplice: ho assecondato il profumo agrumato (?) dell'impasto con una semplice glassa di zucchero e succo di mandarino.
Volendo si potrebbe fare di tutto: sostituire parte della farina con il cacao, aggiungere nocciole, noci, mandorle, frutta candita...oppure ricoprire e farcire con una ganache o una crema...e chi più ne ha più ne metta!
La tradizione di questa ricetta proviene da questo puntino dell'europa, io però ho seguito il procedimento proposto in un libro che ho sul mio scaffale.
  • 180 g di burro
  • 185 g di zucchero
  • 3 uova sbattute
  • 165 g di farina autolievitante setacciata
  • 2 cucchiaini di scorza grattuggiata di limone o arancia
  • 1 cucchiaino di succo di limone o arancia
Accendi il forno 160°C.
Sbatti il burro e lo zucchero fino ad ottenere un composto cremoso, poi aggiungi gradualmente le uova.
Unisci tutti gli altri ingredienti e quando l'impasto è omogeneo stendilo in una tortieradi 18 cm di diametro o in uno stampo da plum cake, livellandolo per bene in superficie.
Fai cuocere il dolce in forno per un'ora, fallo raffreddare e poi...fanne ciò che vuoi!

martedì, ottobre 09, 2007

Soffice muffin ai 3 profumi

Pubblicato da apprendistacuoca a 14:01 39 commenti
Il soffice...
  • 140 g di farina300 g di zucchero250 ml di panna fresca
  • 75 g di burro a temperatura ambiente
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaino e 1/2 di lievito in polvere
e i 3 profumi...
  • 10 g di scagliette di cocco
  • 1 cucchiaino di cannella (esattamente la quantità nella foto!)
  • 5 o 6 capsuline di cardamomo (vedi foto)
Accendete il forno a 180°C.
Lavorazione molto semplice nel mixer: prima si da una frullatina a zucchero, lievito farina e spezie (per il cardamomo: rompete le capsuline chiudendole in un canovaccio pulito, poi date un colpetto con un pestacarne o un martelletto, in modo da romperle senza sbriciolarle. Recuperate i semini all'intermo della capsula).
Aggiungete burro, panna e uovo (non serve montare l'albume), mixate e riempite 9 o 10 stampini.
Infornate per 20-25 minuti.
Rimangono sofficissimi e mooolto profumati! Sono ottimi con il caffè della mattina ma anche per spezzare la fame del pomeriggio.
I colori del set fotografico li ho scelti proprio perchè evocati dal sapore di questi dolcetti: sarà per via del cardamomo, che è fesco e allo stesso tempo molto prezioso, ma io ho pensato proprio al verde e all'argento baroccheggiante (ma forse questo è l'effetto della cannella...)!

lunedì, ottobre 08, 2007

Mai nessun ci* dividerà...

Pubblicato da apprendistacuoca a 15:08 25 commenti
Fudge al cioccolato
Sono di nuovo qui!!!
In questi giorni di assenza dal blog ero affaccendata nei preparativi del corso di pasticceria per i bimbi previsto per lo scorso sabato da Kitchen. Come mi sono divertita!!! Tra poco vi racconterò per bene il pomeriggio con qualche bella fotina scattata dalla mia amica Monica...pazientate un pochino che sistemiamo bene il reportage!

Dunque dunque dunque... Vi ripropongo ora l'ennesima ricetta iper-calorica-cioccolatosa, perfetta per i più pigri che oggi non hanno poi così tanta voglia di mettersi a cucinare ma che desiderano avere qualcosa da mettere sotto i denti, che possa anche portare conforto in queste giornate quasi fredde. (Qualsiasi riferimento a fatti o persone relamente esistenti NON è puramente casuale...).
  • 500 g di cioccolato fondente (meglio se con alta percentuale di cacao)
  • 1 lattina di latte condensato zuccherato
  • 75 g di burro
Spezzettate il cioccolato e unitelo in una casseruola al burro e al latte. Fate fondere il tutto a fuoco basso mescolando continuamente. Spegnete quando il composto è omogeneo e state mattenti che non arrivi ad ebollizione.
Versate e livellate il pastone che avete ottenuto in una teglia rettangolare (io ho usato quella in ceramica in cui di solito faccio le lasagne) leggermente unta. Il suddetto pastone avrà una divertentissima consistenza...gommosa, direi. Se amate come me il cioccolato vi divertirete un mondo a giocarci in questa fase della preparazione!
Mettete la teglia in frigo fino a quando il fudge non si sarà solidificato, quindi tagliatelo in tanti piccoli quadratini.
Conservateli in frigo in un contenitore ermetico. Può durare così anche per un mese. Ovvio che io lo secco prima!

* Come avrete capito il titolo di questo post è tratto dalla canzone dei 3 porcellini che fanno capolino nella foto, tuttavia esso si riferisce anche al rapporto che lega indissolubilmente l'apprendistacuoca al cioccolato...

 

delizia Copyright 2009 Sweet Cupcake Designed by Ipiet Templates Sponsored by Blogger Template Gallery